Il backup dei file avviene quando si archiviano copie dei file di sistema critici e dei file personali su un disco rigido ausiliario o un dispositivo di archiviazione, ad esempio un'unità di backup esterna o un'unità flash. La creazione di copie di backup è una fase critica nella manutenzione del computer, per proteggere i dati in caso di guasto del sistema o di corruzione dei file.

Chi deve eseguire il backup dei file?

Tutte le persone e le organizzazioni rischiano di perdere per sempre dati importanti se non eseguono il backup dei file. Per una persona, la perdita di dati finanziari, importanti documenti personali o foto insostituibili causerebbe molto stress e delusione.

Le organizzazioni che non eseguono backup dei loro file, in particolare dei dati contabili e finanziari, rischiano di danneggiare la propria azienda, fino al punto di poterla perdere.

Molte aziende si affidano ai computer per svolgere la loro attività: movimenti finanziari, risorse umane, retribuzioni, vendite, marketing e molto altro. In alcuni casi, l'impossibilità di accedere ai file per cause accidentali o in seguito ad attacchi informatici può comportare per le aziende l'incapacità di continuare a operare.

Nella primavera del 2017, i servizi sanitari nazionali (NHS) del Regno Unito sono stati colpiti da un attacco malware che ha reso i file inaccessibili, con grave compromissione della loro operatività. Sony Pictures ha sperimentato un blocco analogo che ha compromesso la sua attività nel 2014.

Quali sono i maggiori rischi per i file?

I tre rischi più importanti per i file archiviati sui computer sono rappresentati da:

  • Negligenza degli utenti e degli amministratori
  • Guasti o furto del computer
  • Pirateria informatic

Talvolta gli utenti, e anche gli amministratori IT, eseguono per errore il comando Elimina su file o directory, per poi sentirsi sprofondare quando realizzano che si può rimediare all'errore solo recuperando i file eliminati.

La migliore protezione contro questo tipo di errore è un software di backup che crea copie incrementali dei file aperti. Inoltre, alla fine della giornata lavorativa, la creazione di un "mirror" automatico dell'archivio del computer offre una sicurezza in più di poter recuperare velocemente i dati in caso di necessità.

Chi ha provato l'esperienza dell'improvviso guasto totale di un computer, conosce il senso di frustrazione che ne deriva. La creazione e l'archiviazione di frequenti backup su dispositivi fisicamente remoti offre la tranquillità necessaria quando informazioni importanti sono salvate su computer. - Un approccio di questo tipo può rivelarsi molto utile anche in caso di furto del computer o del dispositivo, in quanto è possibile sostituirlo e scaricare i file dalla memoria esterna sul nuovo dispositivo.

I criminali informatici utilizzano sempre più spesso un tipo di malware chiamato ransomware per infettare i computer. Il ransomware impedisce agli utenti finali di accedere ai file e alle applicazioni sui propri computer. Gli hacker chiedono alle persone o alle organizzazioni di pagare un riscatto per ottenere nuovamente l'accesso ai propri file.

L'attacco al NHS citato sopra, così come migliaia di altri attacchi in tutto il mondo, è stato un attacco ransomware. L'incidente ha costretto le cliniche a interrompere gli interventi chirurgici in tutto il Regno Unito.

Per peggiorare le cose, in molti casi, coloro che pagano il riscatto non riescono comunque a riprendere il controllo delle proprie macchine. Gli hacker deve fornire agli utenti chiavi crittografate per sbloccare i file e non sempre lo fanno.

Alcuni ransomware eliminano tutti i dati del computer anche dopo che il riscatto è stato pagato. Archiviando i backup in posizioni secondarie, le organizzazioni e le persone vittime di attacchi ransomware possono evitare di dover interrompere l'attività per un lungo periodo di tempo.

Come si crea un backup?

Il modo più comune per eseguire il backup dei file sul computer è mediante il software che viene fornito con il sistema operativo del PC. Apple iOS e Microsoft Windows forniscono utility integrate con funzionalità di backup e ripristino.

È possibile eseguire il backup dei file su partizioni separate nelle unità locali o su dispositivi di archiviazione esterni. Il primo metodo non è efficace se il computer si blocca completamente e non è possibile accedere alle unità interne. Eseguire il backup su un dispositivo remoto è l'opzione più efficace per una sicurezza completa.

Prodotti software come Kaspersky Total Security forniscono gli strumenti e il supporto necessari per creare backup criptati. Inoltre, installare e aggiornare regolarmente un programma antivirus di qualità è il primo passo per proteggere i dispositivi da attacchi malware e ransomware potenzialmente costosi.

Suggerimento: Kaspersky Internet Security protegge l'accesso Internet da intrusioni. È importante anche aggiornare con frequenza le password utente, creando password di almeno otto caratteri di vari tipi (maiuscole/minuscole, numeri e caratteri speciali).

Servizi di backup come iDrive, SpiderOakONE e SOS Online Backup copiano i file nel cloud mediante software specializzato. Altre soluzioni cloud generiche sono quelle di Dropbox, Google Drive e Apple Cloud.

Sebbene gli hacker siano riusciti a rubare informazioni sugli account dei clienti da Dropbox nel 2016, oggi il servizio offre maggiori difese informatiche per la protezione dei dati importanti degli utenti.

In caso di guasto dei computer o di attacco informatico, il backup dei file potrebbe essere il più importante documento mai creato. Il backup non va considerato come una vera e propria difesa, ma qualcosa che consente una certa tranquillità se dovesse succedere il peggio.

Articoli correlati:

Prodotti correlati:

Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza sul nostro sito Web. Usando e navigando su questo sito li accetterai. Sono disponibili informazioni dettagliate sull'uso dei cookie su questo sito Web facendo clic sull'apposito link.

Accetta e chiudi