Uno degli argomenti più scottanti per i genitori di oggi è costituito dalla sicurezza su Internet per i ragazzi: come si possono proteggere i propri figli online? Internet costituisce una sorta di grande quartiere esteso al mondo intero, a cui i ragazzi hanno libero accesso, nel bene e nel male. I ragazzi crescono davanti al computer di casa e sempre più di loro hanno accesso a smartphone o tablet. Tutta questa connettività costituisce una grossa preoccupazione per i genitori. Per fortuna esistono strumenti che possono aiutare i ragazzi a navigare su Internet e a riconoscere i potenziali pericoli.

Suggerimento per la sicurezza n. 1: evitare malware e adware

Molti siti di social media e app gratuite sopravvivono grazie all'adware, ma questo significa esporre i ragazzi a una quantità veramente eccessiva di pubblicità. Se a questo si aggiunge la facilità di effettuare acquisti in-app, i genitori hanno ottime ragioni per monitorare il comportamento dei figli online e impostare regole che limitino le app consentite. I genitori devono illustrare ai ragazzi come funzionano le cosiddette app gratuite, spiegando che potrebbero accidentalmente spendere denaro vero senza nemmeno accorgersene.

Suggerimento per la sicurezza n. 2: proteggersi dai predatori online

Così come si insegna ai ragazzi a non parlare con gli estranei, occorre fare lo stesso anche con i contatti online. I genitori devono sottolineare il fatto che non tutte le persone online sono chi dicono di essere. In breve, sia tu che i tuoi figli dovete sempre sapere con certezza con chi avviene l'interazione online. Devi conoscere le informazioni di contatto, i nomi visualizzati e gli indirizzi e-mail dei loro amici, oltre a tutti i siti di social media che frequentano. Il controllo genitori costituisce un ottimo strumento per bloccare determinati contatti, oltre che per monitorare la messaggistica online e le altre comunicazioni.

Suggerimento per la sicurezza n. 3: segnalare gli atti di bullismo

Il problema della sicurezza online per i ragazzi riguarda sempre più il bullismo. Secondo un report di DoSomething.org, quasi il 43% dei ragazzi è stato vittima di atti di bullismo online, ma solo una vittima su 10 segnala tale comportamento a un adulto. I genitori devono spiegare ai figli in cosa consiste il bullismo online e che possono segnalare gli autori di tali comportamenti senza temere di non poter più utilizzare il computer o essere puniti. I genitori devono insegnare ai figli a prestare attenzione, quando aprono messaggi e-mail, leggono post o tweet di persone che non conoscono o partecipano a una disputa verbale digitale. Questo vale soprattutto per i ragazzi che usano un cellulare. A volte, messaggi e immagini vengono inviati d'impulso o senza pensare alle possibili conseguenze.

Suggerimento per la sicurezza n. 4: riconoscere i social network

A quanto pare anche i giovanissimi frequentano i social media, spesso spinti dal fatto che i propri amici possiedono un account. Nessun ragazzo desidera sentirsi escluso, ma i genitori devono fare il proprio dovere verificando se un determinato sito è appropriato per l'età del figlio. Alcuni siti, ad esempio, non filtrano i contenuti per adulti, permettendo di accedervi anche ai minori. Un altro problema è costituito dalla quantità e dal tipo di informazioni che un ragazzo può pubblicare nel proprio profilo online. I genitori devono spiegare quali informazioni non devono essere assolutamente rese pubbliche. Anche un'informazione apparentemente innocua, come il nome di un animale domestico, può diventare un problema, soprattutto se tale nome costituisce la risposta alla domanda per il recupero di una password.

Suggerimento per la sicurezza n. 5: combattere il furto di identità

Ormai molte scuole o centri giovanili raccolgono informazioni sui ragazzi. Anche se possono esistere motivi legittimi per farlo, un genitore ha sempre il diritto di sapere quali tipi di informazioni personali sono effettivamente necessari e come verranno archiviate le informazioni relative ai propri figli. Occorre insegnare da subito ai ragazzi a non rivelare il proprio nome utente e la propria password a nessuno, a parte i genitori. Ma non finisce qui. I genitori devono chiedere ai ragazzi di non condividere online informazioni che possano identificarli, come data di nascita, città di residenza, nome della scuola e così via.

Strumenti a disposizione dei genitori

Se tuo figlio desidera accedere a Internet, devi parlargli della sicurezza informatica su Internet e delle possibili implicazioni. Inizia dai concetti base sulla sicurezza online per i ragazzi: mantenere segrete le credenziali di accesso, comunicare solo con amici fidati e familiari, diffidare di tutto ciò che viene offerto gratuitamente online, e quindi aggiungere tutte le informazioni appropriate in base all'età. Puoi usare software e strumenti di controllo genitori per monitorare le attività online e devi ricordare di mantenere sempre vivo il dialogo in famiglia.

Altri articoli e collegamenti correlati alla sicurezza Internet

Utilizziamo i cookie per rendere migliore la tua esperienza sul nostro sito Web. Usando e navigando su questo sito li accetterai. Sono disponibili informazioni dettagliate sull'uso dei cookie su questo sito Web facendo clic sull'apposito link.

Accetta e chiudi