<img src="https://d5nxst8fruw4z.cloudfront.net/atrk.gif?account=5DiPo1IWhd1070" style="display:none" height="1" width="1" alt="" />

I principi per l'elaborazione dei dati degli utenti

I principi più importanti

  • Le informazioni inviate dai prodotti Kaspersky Lab ai server dell'azienda (il "cloud") sono limitate ai dati necessari per migliorare il livello di protezione dalle cyberminacce, raffinare le operazioni dei prodotti e offrire soluzioni migliori agli utenti
  • I dati inviati a Kaspersky Lab sono spersonalizzati e non contengono le informazioni riservate degli utenti
  • Gli utenti acconsentono volontariamente all'invio dei dati a Kaspersky Lab accettando il contratto di licenza durante l'installazione del prodotto e il contratto con l'utente di Kaspersky Security Network (KSN)
  • Le informazioni ricevute, così come il traffico, sono protette in accordo con la legislazione vigente e i severi standard industriali, tra cui crittografia, certificati digitali, firewall e altro.

Che cos'è Kaspersky Security Network?

Kaspersky Security Network è un sistema avanzato basato su cloud che elabora automaticamente le statistiche spersonalizzate ricevute da milioni di dispositivi degli utenti di Kaspersky Lab di tutto il mondo che hanno acconsentito volontariamente. La rete KSN è stata creata per massimizzare l'efficacia della scoperta di minacce nuove e sconosciute.

Cos'è il "cloud"?

È un servizio che può essere eseguito dai server di un'azienda o dai dispositivi di un utente e che può essere utilizzato tramite Internet in qualsiasi parte del mondo. Esempi di servizi cloud includono i servizi di e-mail, condivisione di file e file hosting. I server di Kaspersky Lab sono distribuiti in tutto il mondo e forniscono un'elaborazione più veloce delle informazioni e l'intercambiabilità in caso di emergenza.

Qual è lo scopo della protezione basata su cloud?

La maggior parte dei fornitori IT utilizza il cloud per migliorare i livelli di protezione. La protezione ibrida (database antivirus + difesa proattiva + cloud) è la più efficace.

Le alte prestazioni dei server aziendali implicano che le cyberminacce rilevate sui dispositivi degli utenti possono essere analizzate in modo più veloce e preciso. Mentre il tradizionale ciclo di aggiornamento del database per antivirus e anti-phishing impiega diverse ore, il cloud può fornire in pochi minuti la protezione dalle nuove minacce agli utenti.

Utilizzare il cloud può anche rendere più "leggero" un prodotto, evitando di utilizzare troppa memoria o troppe risorse del dispositivo dell'utente.

Quali dati sono elaborati nel cloud?

Informazioni su licenza e prodotto

Queste informazioni sono necessarie per mantenere la comunicazione tra il prodotto e i servizi Kaspersky Lab, inviare e ricevere gli aggiornamenti del prodotto e del database antivirus, ecc. Il cloud le utilizza per riconoscere gli utenti validi.

Vengono inoltre analizzati i dati sull'operazione e sull'interazione dell'utente con il prodotto. Quanto dura la scansione delle minacce? Quali funzioni vengono utilizzate più spesso? Le risposte a queste e altre domande aiutano gli sviluppatori a migliorare i prodotti, rendendoli più veloci e facili da utilizzare.

Dati dei dispositivi

Dati come tipo di dispositivo, sistema operativo, applicazioni installate sul dispositivo, ecc. sono necessari per "collegare" una licenza a un dispositivo specifico. Perché è importante farlo? Collegando una licenza a un dispositivo specifico l'utente non deve, ad esempio, acquistare una nuova licenza per la sicurezza del prodotto dopo aver reinstallato il sistema operativo. Identificare una determinata persona basandosi su questo tipo di informazioni del dispositivo è impossibile perché non viene incluso alcun dato che può essere utilizzato per identificare l'utente. Queste informazioni ci aiutano inoltre ad analizzare le cyberminacce poiché mostrano quanti dispositivi vengono colpiti da una minaccia specifica.

Minacce rilevate

Se una minaccia (nuova o nota) viene trovata sul dispositivo, le informazioni su di essa vengono inviate a Kaspersky Lab. Ciò consente di analizzare le minacce, la fonte, i principi di infezione, ecc. e di fornire quindi una qualità di protezione maggiore per tutti gli utenti.

Informazioni sulle applicazioni installate

Queste informazioni ci aiutano a creare degli elenchi di applicazioni "sicure" o innocue e prevenire che i prodotti per la sicurezza vengano identificati erroneamente come applicazioni nocive. Questi dati vengono inoltre utilizzati per aggiornare e ampliare le categorie dei programmi per soluzioni come Parental Control. Inoltre, queste informazioni ci aiutano a conoscere meglio i nostri utenti e a offrir loro soluzioni per la sicurezza in linea con le loro esigenze.

Richieste di ricerca, cookie e indirizzi di pagine Web

Da una parte, questi dati aiutano a migliorare la protezione da pagine Web fittizie o infette. Nel caso in cui i cybercriminali spingano intenzionalmente le pagine pericolose in cima ai risultati di ricerca, queste informazioni ci consentono di rilevare velocemente le campagne nocive e proteggere gli utenti. Dall'altra, è necessario creare offerte di ulteriori soluzioni per la protezione personalizzate per gruppi diversi di utenti in base al loro comportamento online.

Eventi OS

Nuovi malware possono spesso essere identificati basandosi unicamente sul loro comportamento sospetto. Per questo motivo, il prodotto analizza i dati sui processi in uso sul dispositivo (eventi che non dipendono dalle azioni dell'utente ma che sono il risultato delle operazioni del sistema operativo e dei programmi). Ciò rende possibile identificare subito i processi indicativi delle attività sospette e prevenire ogni ogni tragica conseguenza, come l'eliminazione definitiva dei dati dell'utente.

File sospetti

Se un qualsiasi file (ancora) sconosciuto che mostra un comportamento sospetto viene rilevato su un dispositivo, può essere inviato al cloud per un'analisi più approfondita. I file personali (come foto o documenti) sono raramente nocivi e non hanno un comportamento sospetto. Di conseguenza, questa categoria include la maggior parte dei file eseguibili (.exe).

Dati di connessione Wi-Fi

Queste informazioni vengono analizzate per avvertire gli utenti di punti di accesso Wi-Fi non sicuri (ovvero con livelli bassi di protezione), per prevenire l'intercettazione dei dati personali.

Dati di contatto dell'utente

Gli indirizzi e-mail vengono forniti facoltativamente dagli utenti e vengono usati per l'autorizzazione sul portale Web My Kaspersky, che consente di gestire la protezione in remoto. Gli indirizzi e-mail vengono anche utilizzati per inviare messaggi mirati (ad esempio, contenenti avvisi importanti) agli utenti dei prodotti Kaspersky Lab. Gli utenti possono scegliere se specificare il nome proprio (o il nome con cui desiderano essere chiamati sul portale My Kaspersky e per e-mail).

Il trasferimento dei dati può essere limitato?

Accettando il contratto di licenza durante l'installazione del prodotto e il contratto con l'utente di Kaspersky Security Network (KSN), l'utente acconsente volontariamente all'invio di determinate informazioni a Kaspersky Lab. La quantità e la struttura delle informazioni varia per ogni prodotto, quindi è importante leggere attentamente i contratti. I clienti aziendali possono impedire che i dati vengano inviati a Kaspersky Lab. Gli utenti privati possono limitare i dati inviati alle informazioni spersonalizzate su licenza, prodotto, dispositivo su cui è installato, minacce rilevate e siti visitati deselezionando la casella corrispondente nell'elenco delle impostazioni.