Biglietti gratis su WhatsApp e Facebook: la truffa diventa virale

21 Gen 2019

Se ricevete un messaggio su WhatsApp da un amico in cui si dice che Disneyland offre biglietti gratis per l’ingresso al parco, vi consigliamo di ignorarlo educatamente. Si tratta di una bufala, e soprattutto di una truffa, e vi spieghiamo come funziona.

Ecco qual è la dinamica. Ricevete un messaggio da uno dei vostri contatti che parla di biglietti gratis. Se andate sul sito proposto, leggerete di un’occasione unica, ad esempio 500 biglietti gratis per festeggiare il 110ecimo anniversario di Disneyland. All’incirca 300 biglietti sono già stati presi, ma ne rimangono ancora 200 su per giù e l’idea sembra davvero allettante.

Inoltre, la pagina è piena zeppa di commenti, che sembrano provenire da altri utenti e che ringraziano Disneyland per i biglietti, con tanto di foto a riprova dell’omaggio.

Ottenere questi biglietti gratis è molto semplice, basta soltanto compilare un breve sondaggio (di solito sono 5 domande a cui si risponde facilmente, del tipo “Sei mai stato a Disneyland”, “Sei maggiorenne?” oppure “Ti piace Disneyland?” etc) e poi condividere il messaggio con i vostri amici di WhatsApp, grazie a una specifica opzione presente sul sito.

Dopo di ciò, vi verrà chiesto di cliccare o di fare tap su “Ottieni i biglietti” ma, per un qualche strano motivo, i biglietti non appaiono e, invece, molto probabilmente verrete reindirizzati su un altro sito, che a sua volta reindirizza a un altro e poi a un quarto e così via.

Alla fine, vi troverete su un sito che vi offrirà un qualche oggetto o servizio. In generale, sarete reindirizzati su un sito partner, in questo modo i proprietari del falso sito di Disneyland saranno pagati per il traffico che stanno portando sulla pagina.

Si tratta di una tecnica molto comune e praticamente ogni giorno saltano fuori nuove pagine di questo tipo. Si usano WhatsApp e Facebook per inviare messaggi e per gli utenti non è un grosso sforzo fare click su “Condividi” se hanno la speranza di ricevere biglietti gratis.

Abbiamo osservato che la diffusione di questi falsi messaggi riguarda nomi molto conosciuti come Disneyland, Legoland, Europa-Park, Air France, Singapore Airlines e tante altri. Queste aziende, naturalmente, non hanno nulla a che vedere con questi siti, i truffatori non fanno altro che sfruttare questi brand famosi per portare gli utenti sui propri siti. In ogni caso, indipendentemente dalla compagnia, i siti si somigliano tra loro, soprattutto analizzando la parte dei commenti, gli argomenti delle conversazioni e persino gli utenti che scrivono i commenti. Solo i loghi che si trovano nella pagina sono diversi e qualche altro dettaglio in più.

Per guadagnare soldi non solo ricorrono alla tecnica di reindirizzamento del traffico. Potreste anche essere diretti a una pagina dove verrete inviati a iscrivervi a una strana mailing list, oppure finirete su un sito dannoso (ne abbiamo già parlato in questo post) o, ancora, potreste essere iscritti a servizi a pagamento di un operatore telefonico, dal quale i truffatori ricevono una percentuale. Alcuni media affermano anche che, se l’utente cicca su “Ottieni i biglietti”, gli scammer provano a rubare i dati personali, ma non ci è stato possibile riprodurre questa situazione.

In ogni caso, anche se non esiste la minaccia concreta di un furto di denaro o di dati personali o altro, meglio non cliccare sui link presenti in questi messaggi.

Inoltre, fareste meglio a non condividere questi messaggi con i vostri amici, né a pubblicarli su Facebook, non farete altro che aiutare i truffatori a guadagnare denaro. Se ricevete un messaggio di questo tipo da un amico su WhatsApp o se vi imbattete su Facebook in uno di questi link che offrono fantomatici biglietti, avvisate educatamente il mittente o chi ha pubblicato il post che stanno promuovendo una truffa.